La nuova serie di telecamere Avonic CM70-IP è stata completamente riprogettata, anche nel design. Sostituisce la Serie CM60 e offre prestazioni superiori ad un prezzo invariato. Il segnale video in uscita – HDMI, 3GSDI e USB – è presente contemporaneamente. È data la possibilità di aggiungere funzionalità ‘broadcast’ attraverso licenze software dedicate.


La nuova serie di telecamere Avonic CM70-IP, composta da 3 modelli, sostituisce la precedente CM60 che era formata, invece, da ben 7 modelli.

Questa razionalizzazione è dovuta ad un progetto totalmente nuovo che si pone l’obiettivo di differenziare i  modelli soltanto in base all’ottica zoom, disponibile con focale  12x (CM71-IP), 20x (CM70-IP), 30x (CM73-IP).



Telecamere Avonic CM70-IP. I modelli con ottica 20x e 30x sono disponibili nei colori bianco e nero antracite. Il modello intermedio (ottica 12x), invece, viene  proposto solo nel colore bianco

Sia l’elettronica che il sensore, e quindi anche l’ottica in vetro, sono totalmente nuovi, così come l’estetica che consente alla nuova serie CM70-IP di distinguersi dai competitor. Il sensore CMOS (1/3“ con 2,12 MP)è un po’ più grande della serie precedente. La risoluzione nativa è di 1080p e il segnale è disponibile contemporaneamente su tutte e tre le uscite HDMI, 3G SDI e USB. Per quest’ultima uscita la risoluzione massina è di 1080p30. 



Streaming ad alto bitrate e da  Facebook Live

Avonic è distribuita in Italia da Exhibo. Tutti i modelli di questa nuova serie sono compatibili IP e consentono la distribuzione delle immagini su rete Lan e lo streaming AV sfruttando i codec H.264, H.265 e MJPEG. Le funzioni di streaming sono particolarmente evolute, in linea con le esigenze crescenti dettate dalla didattica a distanza e dalla comunicazione sempre più orientata ai social.

Partiamo dai protocolli disponibili, che sono: RTMP, RTSP, SRT, ONVIF, Multicast, Unicast. 

Grazie al protocollo RTMP, ad esempio, è possibile fare streaming in diretta su Facebook; con ONVIF (profilo S), si ha la possibilità di essere interoperabili con device di altri produttori dato che la piattaforma ONVIF è open-source. Il protocollo Unicast TS, invece, torna utile in università quando non è possibile, per evitare di saturare la rete, adottare la modalità Multicast; inoltre, sempre in tema di streaming è possibile inviare pacchetti UDP da 64 kb in forma di un singolo pacchetto RTP, a differenza di quanto fanno altre camere presenti sul mercato dove i pacchetti UDP hanno un limite massimo di 1,4 kb, che determina una minor velocità di streaming e una maggior latenza. 

Infine, questa nuova serie CM70-IP può effettuare streaming con codec H.264 o H-264 fino a un bitrate massimo di 40 Mb/s, che garantisce una qualità migliore delle immagini e/o immagini senza artefatti con compressione inferiore..



Il cablaggio daisy chain in modalità RS232 (tratta massima di 10/15 metri) e, più sotto, in RS485 (fino a 1.200 metri con cavo twistato con punti di prelievo distanti non più di 5 metri dal bus bifilare). Indispensabili a inizio e fine linea i resistori da 120 ohm 1/4 W.

Il pannello posteriore, descritto nella colonna di testo a sinistra

Il pannello posteriore 

Oltre  al  Kensington Security Slot, sulla fila superiore troviamo l’ingresso audio stereo bilanciato, necessario per garantire una qualità elevata anche su lunghe tratte di cablaggio e per effettuare l’embedding da una fonte esterna sulle uscite LAN, HDMI e 3G-SDI (ma non USB). Per il controllo remoto ci sono le prese seriali RS485 e RS232 (IN e OUT, connettori mini DIN 8 pin) e la possibilità di  controllare la camera via VISCA over IP. Infine,  il commutatore rotativo ‘System Select’ del quale parleremo più avanti. L’imballo della camera comprende anche i cavi USB (type A), RS 232, RS485 e audio bilanciato.

Sulla fila inferiore del pannello posteriore, invece, abbiamo la presa di alimentazione esterna da 12 Vcc/2A (in alternativa al PoE), l’interruttore generale e i connettori BNC (3G-SDI), HDMI, USB e RJ-45 (LAN).  La risoluzione video viene settata attraverso un commutatore meccanico (System Select) oppure in digitale (OSD, telecomando e WebGUI). 

All’accensione la risoluzione video è stabilita dal commutatore rotativo a meno che questo commutatore sia settato su ‘F’, posizione che attiva il settaggio digitale definito tramite OSD, telecomando o WebGUI. Da segnalare anche che l’uscita 3G-SDI supporta solo la risoluzione 1080p.

WebGUI evoluta, con più funzioni rispetto all’OSD 

 L’interfaccia Web offre la possibilità di accedere ad un numero di funzioni maggiore rispetto all’OSD. In particolare, è possibile gestire le seguenti prestazioni:

Velocità di brandeggio High Speed;
Audio embedder;
Trasmissione Unicast/Multicast;
Streaming di pacchetti RTP grandi;
Streaming ad alto bitrate.


Funzioni professionali attivabili con licenza software 

 Attivando licenze dedicate, alla nuova serie CM70-IP è possibile aggiungere le seguenti  funzioni, di livello professionale: Tally Light, Color Matrix e Streaming SRT.

Queste licenze sono a vita, non devono essere rinnovate; inoltre, per le camere acquistate da febbraio ad aprile queste licenze sono già attive e non devono essere acquistate.


Link utili

exhibo.it
avonic.eu