Con un certo ottimismo, ISE, AVIXA e CEDIA attendono con impazienza il ritorno degli eventi di persona il prossimo anno, e una ricerca evidenzia che i professionisti AV sono altrettanto felici di tornare – sicurezza permettendo – al ‘vis a vis’.


News dal mondo Ise – Nel mese di ottobre, Integrated Systems Europe ha commissionato una ricerca indirizzata ai professionisti AV per valutare quanto sia forte, tra i professionisti del mondo AV, la volontà e l’interesse di tornare a fare conferenze ed eventi dal vivo. La ricerca, completata prima della notizia del primo vaccino COVID-19, è stata condotta da Fusion-Insight.

Negli ultimi mesi, gli eventi on-line sono stati per ovvie ragioni preferiti a quelli dal vivo. C’è stato un forte aumento degli eventi digitali legati alla formazione, a esigenze di networking, alla volontà di continuare a comunicare con il mercato. ISE ha posticipato l’edizione a Barcellona e ha lanciato una propria serie di eventi digitali, i RISE Spotlight, accolta con favore dal settore. Gli eventi virtuali sono utili per la generazione di lead, approfondire le relazioni con i clienti e creare brand awareness, e tuttavia le esperienze dal vivo, dove è possibile toccare, vedere e ascoltare i prodotti AV, hanno un valore aggiunto che non le rende in alcun modo sostituibili.

ISE ha voluto conoscere con questa survey qual è il sentiment rispetto all’idea di tornare a partecipare a eventi dal vivo nel 2021. La ricerca si basa su un sondaggio web inviato al database di ISE e su una raccolta di interviste approfondite con gli espositori di ISE.

Oltre 700 (711 risposte completate analizzate e utilizzate) persone provenienti da 96 paesi (il 71% degli intervistati aveva sede in Europa, 13% Nord America, 8% Asia, 5% Medio Oriente, 1% Centro e Sud America, 1% Australia e Nuova Zelanda, 1% Africa) hanno risposto al sondaggio. Il 95% di loro aveva già frequentato ISE (di questi il 60% a febbraio 2020).


Risultati chiave

La ricerca mostra in modo schiacciante la voglia di un ritorno agli eventi dal vivo, non appena sarà sicuro e pratico farlo. I risultati mostrano che al 32% del panel manca la possibilità di avere una esperienza diretta dei prodotti e al 21% manca lo scambio diretto con fornitori e clienti.

Quasi il 70% del pubblico è pronto a partecipare di persona alle fiere e il 57% sarebbe pronto a visitare anche quelle internazionali. Dato che questa ricerca è stata condotta prima della notizia di un vaccino, risulta ancora più evidente il desiderio di tornare di nuovo agli eventi fisici.

Mike Blackman, amministratore delegato di Integrated Systems Events, spiega: “Abbiamo ritenuto molto importante ascoltare il nostro settore nel dare forma alla nostra offerta per il 2021 e abbiamo quindi incaricato degli specialisti di ricerche di mercato indipendenti, di condurre questo progetto di ricerca per noi. I risultati dimostrano chiaramente che, per un settore all’avanguardia nelle tecnologie immersive, non vi può essere alcun sostituto alle esperienze touch-see-hear che sono al centro del settore AV e di eventi come ISE. Stiamo lavorando molto duramente per l’obiettivo di ISE 2021 a Barcellona nel giugno del prossimo anno ed è rassicurante confermare che c’è anche una forte domanda“.

“Il calendario annuale delle fiere, per un settore in continua evoluzione come il nostro, è prezioso per il suo scandire un ritmo, una cadenza, a questa continua trasformazione”, ha affermato David Labuskes, CTS, CAE, RCDD, CEO di AVIXA, che ha anche spiegato che, mentre le persone cambiano ruoli e aziende, creando un forte movimento nel settore, eventi come ISE hanno sempre fornito un punto fermo, di contatto, che consente di riconnettersi con le persone con cui si fanno affari. “Sono certo – prosegue – che tutti i nostri partecipanti passati e futuri sono ansiosi di incontrarsi di nuovo di persona. Il valore incalcolabile di ISE, per gli espositori come piattaforma per il coinvolgimento e la leadership di pensiero, e per i partecipanti come comunità da cui imparare e crescere, ci obbliga a fare tutto ciò che è in nostro potere per garantire che ci sarà un ritorno sicuro di ISE nel 2021 e un esordio entusiasmante a Barcellona“.

Giles Sutton, Co-CEO di CEDIA aggiunge: “Nel nostro settore, l’esperienza è tutto. I prodotti devono essere toccati, visti e ascoltati e gli integratori devono consigliarli, trovando la soluzione più idonea per ogni specifico progetto. Inoltre, il nostro settore è una comunità che beneficia dell’incontro, del dialogo e della costruzione di relazioni con gli altri, nonché dell’opportunità di partecipare di persona a corsi di formazione con esperti qualificati. Questi sono tutti fattori estremamente importanti per gli integratori professionisti che desiderano accrescere le proprie conoscenze e continuare a fare buoni affari”.

Oltre allo studio di ricerca di mercato indipendente, ISE ha parlato anche con i principali espositori che hanno confermato il loro desiderio di tornare alle attività di persona:

Peter Pauwels, Vice President Sales EMEA, Barco NV ha dichiarato: “Insieme a voi, la comunità dei partner AV, facciamo la scelta di guardare avanti, non indietro. La nuova normalità sarà ibrida, ma per una vera connessione dobbiamo incontrarci di persona e ISE Barcelona è un ottimo posto per farlo”.

Michelle Downey, Harman Marketing Director, EMEA commenta: “Il 2020 è stato un anno incerto per il nostro settore e non vediamo l’ora di tornare a una sorta di normalità per il 2021. Siamo entusiasti di partecipare a ISE e di avere l’opportunità di incontrare i nostri clienti faccia a faccia.”

Eva Claudi di Lang-Iberia commenta: “La nostra industria – quella AV – è una delle più grandi. Oltre agli eventi commerciali, gli eventi di settore come ISE sono essenziali per l’economia. Solo in un ambiente emotivo e orientato all’esperienza, possiamo riuscire a sviluppare e promuovere le relazioni con i clienti, sfruttando la comunicazione faccia a faccia. Esperienze emotive positive, attraverso l’uso della tecnologia AV, promuovono lo sviluppo socio-culturale e lo scambio tra persone di culture e paesi diversi. Il linguaggio delle emozioni è internazionale. Non esiste un’alternativa digitale in grado di scatenare un effetto simile. Naturalmente, la salute e la sicurezza vengono prima di tutto, ma un evento come ISE è organizzato in modo altamente professionale e ben pianificato, il che significa che i rischi possono essere evitati e le disposizioni protettive possono essere implementate con la massima precisione“.

Integrated Systems Europe (ISE) 2021 si svolgerà presso la Fira de Barcelona, ​​Gran Vía, dall’1 al 4 giugno 2021.


Per ulteriori informazioni, visitare: www.iseurope.org e www.thenextweb.com.