L’impianto Multiservizio in fibra ottica offre tre importanti vantaggi: si rivolge a edifici di nuova costruzione, a edifici già costruiti e, per il cablaggio delle fibre, può utilizzare cavidotti condivisi con altre tipologie di cavo, compreso quelli elettrici.


Le disposizioni di legge in merito alla realizzazione degli impianti multiservizio in fibra ottica prevedono l’impiego di soluzioni aperte alle evoluzioni tecnologiche future, con l’obiettivo di garantire la massima neutralità del sistema.

Tutti i dispositivi Fracarro studiati per questa tipologia di impianti rispondono a tale criterio perché sono già pronti per essere utilizzati con i nuovi standard di trasmissione, come ad esempio l’ormai prossimo DVB-T2 HEVC.



A seconda delle dimensioni dell’impianto, Fracarro propone soluzioni diverse in grado di soddisfare ogni esigenza installativa; per impianti multiservizio medio grandi, risulta particolarmente adatto il sistema Home Fibre che consente di realizzare impianti a banda larga, distribuendo un intero satellite, il segnale digitale terrestre e una vera rete dati broadband.

Agli impianti di medie dimensioni è invece dedicata la nuova soluzione OPT-MBJ, anch’essa aperta alle future evoluzioni della tecnologia. Come approfondito nella scheda dedicata a OPT-MBJ, si tratta di una famiglia di trasmettitori e ricevitori facili da installare (modalità ‘Plug & Play’) che sfruttano il potenziale della rete in fibra ottica passiva (PON) per trasportare i segnali TV e SAT (IF-IF) con la massima qualità.

Oltre agli apparati attivi, per realizzare un impianto multiservizio a prova di futuro è fondamentale avere a disposizione anche una infrastruttura adeguata alla distribuzione dei differenti servizi. La gamma Fracarro comprende per questo tutti gli elementi passivi utili alla realizzazione del sistema.



L’impianto multiservizio in fibra ottica di un palazzo

Nello schema riportato nella pagina a fianco è illustrato il principio di funzionamento di un impianto multiservizio, utilizzato come “infrastruttura fisica ottica passiva” per la distribuzione anche del servizio TV a tutti i vani abitativi. I multiplex digitali terrestri DVB-T2 e DVB-T disponibili in etere vengono ricevuti da un opportuno sistema d’antenne, per essere poi elaborati e convertiti in segnale ottico dal trasmettitore della serie OPT-MBJ. Qualora necessario, il trasmettitore ottico OPT-MBJ ha la possibilità di gestire anche un ingresso SAT (IF-IF), utile per distribuire i transponder satellitari più importanti mediante una centrale SCD2-32IF.



L’impianto multiservizio in fibra ottica

Una delle fibre monomodali disponibili nel sottotetto è dedicata alla distribuzione del servizio TV: la fibra sarà organizzata nel Terminale Di Testa (TDT)  e sarà disponibile nel Ripartitore Ottico di Edificio (ROE), installato nel vano tecnico al piano terra, in prossimità del Centro Servizi Ottico di Edificio (CSOE).

Dal Centro Servizi verso gli appartamenti sarà previsto un collegamento dedicato a 4 fibre monomodali, disponibili nella STOA (Scatola Terminazione Ottica di Appartamento): una di queste servirà per il collegamento al ricevitore OPT RX, che restituirà sul cavo coassiale tutti i segnali TV elaborati in partenza, pronti per essere collegati al televisore. ■


Link Utili

fracarro.com/it