PRODOTTI

    Cat6 HDBaseT, USB wireless con switch Gigabit

    Tre extender HDMI che offrono particolari peculiarità; RX200: wireless HDMI/VGA per PC; CT378: su cavo Cat6 compatibile HDBaseT e CT379, con Switch Gigabit. Sono distribuiti da Alpha Elettronica.


    Volume: SIAV_02_12 - Pagine: da 172 a 173




    RX200: da USB ad HDMI, wireless

    Con la diffusione dei videoproiettori in ambienti didattici, come le scuole oppure le aule specifiche per i corsi di formazione diventa necessario potersi collegarsi al display con un proprio PC per proiettare una presentazione o, semplicemente, immagini funzionali alla discussione in atto. Questa esigenza viene richiesta anche durante un meeting in una sala riunioni oppure durante una videoconferenza organizzata con una IWB.
    Il trasmettitore video RX200 permette di visualizzare lo schermo di un PC su un display, videoproiettore, monitor o televisore dotato di ingressi HDMI, in modalità wireless. La distanza di collegamento può raggiungere anche i 10 metri, in assenza di ostacoli. L’RX200 è composto da un trasmettitore USB, da collegare al PC, con dimensioni simili ad una USB memory, e da un ricevitore completo di uscite HDMI, VGA e audio analogico. Inoltre, grazie a porte USB remote, può collegare altri dispositivi come HDD esterni, che verranno riconosciuti dal PC come se fossero collegati fisicamente. Supporta risoluzioni fino a 1080p e una profondità colore di 16/32 bit. La velocità di trasmissione è di 150 Mb/s.




    CT378: extender HDMI, HDBaseT

    Capita in diverse occasioni che il collegamento fra sorgente e monitor, da realizzare in HDMI, è troppo lungo e non può essere eseguito con un cavo HDMI; oppure, il tubo corrugato non è così spazioso da poter far transitare un connettore HDMI. A questo punto la soluzione obbligata è utilizzare un estensore HDMI, quando la cablatura di un cavo Cat6 è fattibile e non costituisce un problema. Il CT378 è un estensore di segnali HDMI, compatibile con lo standard HDBaseT, che utilizza un solo cavo Cat6 per raggiungere una distanza massima di 100 metri. Lo standard HDBaseT consente di veicolare su di un unico cavo i segnali HDMI, Lan, alimentazione, IR e RS232. È composto da una coppia di apparecchi, ricevitore e trasmettitore, che si collegano fra loro con un solo cavo di Cat6. Si presta a diversi utilizzi: sia per uso domestico che commerciale, come show room, sale conferenze, auditori, scuole e sale di training. La compatibilità con lo standard HDMI è assicurata alla versione 1.4, ciò consente di gestire facilmente segnali 3D o a risoluzione 4K. Viene garantito il supporto Deep Color fino a 12 bit e ai formati audio, fino al 7.1, Dolby TrueHD e DTS-HD.




    CT379, extender HDMI-USB-RS232-IR con Switch Gigabit

    Un estensore in grado di distribuire via Cat6 e switch Gigabit Ethernet i segnali HDMI, USB, RE232 e IR a monitor o videoproiettori, fino a 16 flussi Audio/Video. Questi segnali provengono da una sorgente dotata di uscita HDMI, come decoder pay-tv, Blu-ray player, console videogame, ecc. La distanza massima di connessione, via cavo Cat6 può raggiungere i 100 metri. Utilizzando un comune switch di rete gigabit-ethernet è possibile aumentare ulteriormente la distanza di trasmissione e ricevere il segnale inviato dal trasmettitore con più ricevitori. Tramite i dip-switch presenti sui moduli è possibile inviare contemporaneamente fino 16 flussi audio/video sulla rete locale. Questa soluzione si presta dove è già presente una connessione di rete LAN gigabit.


    Correlati


    Prodotti

    Serie WL: fino a 5,8 GHz elevate prestazioni, bassa attenuazione

    CAVEL

    Serie WL: fino a 5,8 GHz elevate prestazioni, bassa attenuazione

    I coassiali serie WL con impedenza a 50 Ohm sono cavi a larga banda molto flessibili. Rispetto ai...


    Singolo, doppio e quadruplo pannello con filtro LTE integrato

    ELINT IARE

    Singolo, doppio e quadruplo pannello con filtro LTE integrato

    Una gamma di 5 modelli da installare quando è necessaria maggior...


    Quad 3DGFLEX EVO: da QPSK a COFDM, slot CI flex

    FRACARRO RADIOINDUSTRIE

    Quad 3DGFLEX EVO: da QPSK a COFDM, slot CI flex

    La famiglia 3DGFLEX Fracarro si arricchisce con una nuova generazione di moduli, capaci di...


    Dal Cat.5e al Cat.7A con diverse tipologie di guaina

    MICRO TEK

    Dal Cat.5e al Cat.7A con diverse tipologie di guaina

    La gamma dedicata al networking è composta da cavi di tutte le categorie, dotati di guaina singola o multipla in PVC, PE, LSZH, armatura...



    APPROFONDIRE

    Il giusto posizionamento: a metà tra fisica e design

    Il giusto posizionamento: a metà tra fisica e design

    Il posizionamento corretto dei diffusori in un ambiente è uno tra gli aspetti principali di un sistema audio per ottenere una buona resa acustica. Oggigiorno, chi progetta un impianto Home Cinema deve lavorare in simbiosi con due differenti culture, quella creativa tipica dell’artista come lo sono gli architetti d’interni e la seconda propria
    di una mentalità che caratterizza gli ingegneri. Per posizionare i diffusori che compongono un sistema audio home cinema oltre a soddisfare il gusto estetico, bisogna anche prestare attenzione semplici regole per far sì che il funzionamento dell’impianto dia il risultato sperato. Pertanto, per una buona resa è necessario trovare
    un equilibrio tra design e miglior posizionamento. Per ricreare una
    qualità sonora tipica delle sale cinema, che a loro devono riprodurre
    i suoni dell’ambiente nel quale è stato girato il film o eseguito un
    concerto, si fa riferimento alla norma ITU-R BS-775-2 (Multichannel
    stereophonic sound system with and without accompanying picture)
    che descrive come riprodurre i suoni all’interno di un teatro o una
    sala cinema domestica contenuti in una colonna sonora ottenuta
    mixando le tracce registrate durante la produzione....


    Surround di qualità anche via PC

    Surround di qualità anche via PC

    La storia di Dolby è costellata da numerosi successi che hanno
    segnato il cammino evolutivo delle tecnologie audio: dai sistemi di riduzione del rumore per il mercato
    professionale e consumer (chi non ricorda il mitico Dolby B) a quelli per il cinema fino ad arrivare ai sistemi di codifica multicanale per le trasmissioni televisive, i contenuti analogici/ digitali e i sistemi Home Cinema. Da qualche anno, l’azienda inglese si è impegnata anche sul fronte multimediale progettando tecnologie avanzate che migliorano la riproduzione audio e portano l’emozione dell’effetto surround anche su dispositivi portatili e computer. L’ultima evoluzione riguarda proprio i PC, in particolare laptop o notebook, sempre più votati alla multimedialità e in grado di ricevere le trasmissioni televisive digitali, riprodurre i contenuti DVD e Bluray, on-line (streaming audio/video - es.: YouTube), la ‘musica liquida’ in generale e, non ultimo, la capacità di trasformarsi in potenti console videogame, anche con il supporto del 3D. In occasione del CES 2011, Dolby ha rinnovato il programma PC Entertainment Experience presentando le tecnologie audio di ultima generazione disponibili in alcuni laptop con piattaforma Intel.
    ...


    BENESSERE & SALUTE