Sennheiser TeamConnect Ceiling 2 è stato sviluppato da Sennheiser per apparire invisibile in ambienti come sale conferenze, board room e aule didattiche. Una soluzione molto apprezzata dagli interior designer in ambienti dove la tecnologia non deve apparire inva- siva. TeamConnect Ceiling 2 è certificato Microsoft Teams ed è compatibile con Zoom.


Sennheiser TeamConnect Ceiling 2, il microfono di Sennheiser progettato per sale riunioni/aule didattiche di media e grande dimensioni (50÷60 mq,  sale da 14÷16 posti), offre numerosi punti di forza:

– è dotato di un design per nulla invasivo; si integra alla perfezione con arredi eleganti e in contesti dove l’interior design è un elemento chiave;
– garantisce un’audio di elevata qualità per un’intelligibilità del parlato senza compromessi;
si orienta automaticamente verso la persona che sta parlando grazie alla tecnologia innovativa ‘dynamic beamforming’;
è certificato Microsoft Teams e compatibile con Zoom; 
– con il nuovo plug-in si integra nella piattaforma Q-SYS di QSC; inoltre, viene ‘visto’ a livello nativo dalla piattaforma Q-SYS grazie alla compatibilità con AES67.  



La qualità audio garantita dal microfono TeamConnect Ceiling 2 è molto elevata, elemento che contraddistingue i prodotti Sennheiser. L’estetica si integra in ogni ambiente, anche i quelli particolarmente eleganti e curati

Approfondiamo quindi questi  punti di forza, uno a uno:

dedicato ad architetti e interior designer. Il TeamConnect Ceiling 2 oltre che essere bello esteticamente, è dotato di un design minimalista, aspetti molto cari ad architetti e interior designer che possono integrare facilmente questo elemento tecnologico nei loro progetti;

intelligibilità del parlato senza compromessi. Come è tradizione per tutti i prodotti Sennheiser, la qualità audio è molto elevata; questo elemento è fondamentale per garantire il coinvolgimento  di tutti i partecipanti alla riunione e assicurare l’ascolto e la comprensione chiara del parlato;

basato su tecnologia dynamic beamforming; il TeamConnect Ceiling 2 è un microfono composto da una matrice di 28 capsule a condensatore gestita da un DSP. Grazie a questa configurazione il microfono a soffitto rileva automaticamente e in modo affidabile la persona che parla indipendentemente da dove si trovi nella sala, e si concentra sull’area corrispondente; le altre aree vengono attenuate di conseguenza. È possibile combinare diversi microfoni a soffitto per ottenere una maggiore copertura, ad esempio in sale molto grandi o di forma irregolare;

l’uso touchless è funzionale al distanziamento sociale. Oltre alle sale riunioni il Sennheiser TeamConnect Ceiling 2 è sempre più diffuso in contesti di istruzione superiore perché facilita l’apprendimento a distanza, soprattutto nel caso di seminari che di solito richiedono maggiore libertà di movimento e che prevedono la presenza di più relatori. Inoltre, poiché l’igiene continua ad essere un’importante necessità, questo microfono consente l’uso touchless nelle aule per mantenere più facilmente le pratiche di distanziamento sociale;

certificato Microsoft Teams e compatibile con la piattaforma di videoconferenza Zoom, molto diffusa; punti di forza rilevanti nell’integrazioni di soluzioni corporate e educational;

integrabile nella piattaforma Q-SYS con il nuovo nuovo plug-in di QSC. Ciò consente di fare integrazione drag-and-drop nell’ecosistema AVC Q-SYS risparmiando tempo nella programmazione e, ad esempio, muovere le camere PTZ Q-SYS nella stessa direzione dove è orientato il microfono.


Le tre configurazioni dell’array microfonico TeamConnect Ceiling 2: integrato nel soffitto (sinistra), appeso al soffitto (al centro), sospeso (a destra). Per tutte le configurazioni la resa estetica è molto curata per essere perfettamente integrabile in un arredo architetturale. Su richiesta è possibile verniciare il microfono con colori RAL

Esempio di sala riunione. Da notare, al centro, sospeso a soffitto, il microfono TeamConnect Celing2 orientato (beam azzurro) verso il relatore attivo. Grazie alla tecnologia ‘dynamic beamforming’ l’orientamento verso la persona che parla avviene in modo automatico.

Configurazione dell’impianto

È possibile collegare il microfono in analogico (Phoenix a tre pin, per processore audio esterno, codec per videoconferenza) e digitale (2 porte Dante/AES67 (primario/secondario, RJ45). La configurazione del sistema e i flussi di lavoro AV sono facilitati dal software gratuito Sennheiser Control Cockpit che supporta anche i microfoni wireless serie G3, G4 e SpeechLine Digital Wireless oltre all’innovativo sistema Digital 6000. Infine, sono disponibili verniciature speciali in colori RAL.



Link utili

exhibo.it
en-de.sennheiser.com/