Tre gamme progettate per ospitare i filtri LTE e plug-in, ad innesto, per adattarsi alle diverse problematiche di ricezione: AMC, per le installazioni da palo, serie CC da interno e ZM, più performante, con alta efficienza di schermatura.

Volume: SITV_01_12 – Pagine: da 166 a 166

Zone d’ombra, segnali disequalizzati o con livello troppo basso sono aspetti importanti quando si deve scegliere la centrale di testa in un impianto DTT: ne rendono più problematica la taratura e, a volte, non è possibile risolvere le intermodulazioni presenti tra i canali ricevuti. Per questa ragione FTE, da oltre 5 anni, mette a disposizione dell’installatore una gamma completa di centralini a larga banda configurabili. Prodotti che offrono numerose soluzioni per far fronte alle varie problematiche di ricezione: è sufficiente inserire nell’apposita sede (accessibile dopo la rimozione del coperchio) il filtro ad innesto plug-in con i tagli di frequenze adatti alla zona e regolare il livello d’uscita per effettuare la messa in funzione dell’impianto. Si possono dotare anche di filtro LTE, modello FPB260 esterno, dedicato alla soppressione delle frequenze (canali dal 61 al 69) utilizzate dai servizi 4G. Sono suddivisi in tre famiglie di prodotto: AMC, CC e ZM.


La gamma

Gli amplificatori da palo AMC sono dedicati per impianti di dimensioni contenute e si montano a palo grazie al pratico kit di installazione. La gamma è costituita da 4 modelli: il più performante, l’AMC214, supporta impianti fino a 30 prese d’utente grazie al livello d’uscita di 114 dBµV e al guadagno di 35 dB; non occorre configurarlo perché è dotato di filtri FPB3 di banda BIII, FPB4 banda BIV e FPB5 di banda BV. Si alimentano con l’LPS200, un pratico alimentatore da installare in piccole scatole di derivazione, date le sue ridotte dimensioni. La serie CC è formata da 4 modelli che dispongono di prestazioni analoghe a quelle degli amplificatori da palo AMC, ma si installano nei sottotetti delle abitazioni. Le centrali ZM offrono garanzie in termini di affidabilità e robustezza: sono dotati di contenitore in pressofusione che conferisce, inoltre, un’elevata immunità ai rumori impulsivi. Sono più performanti della serie CC; ad esempio: il modello ZM440, top di gamma, dispone di un livello d’uscita di 118 dBµV, di un guadagno pari a 40 dB, ed è adatto ad essere impiegato nelle palazzine ad elevato numero di prese d’utente.

Selezione di amplificatori configurabili AMC, CC e ZM