La videoproiezione immersiva ridefinisce la funzionalità degli spazi e determina nuovi modi comunicativi, anche in condivisione con soluzioni tradizionali. Big Frame e Only White sono la risposta a questo trend.

Nelle recenti installazioni tecnologiche in Musei e Mostre di Arte e Cultura la proiezione immersiva ha coinvolto i visitatori ad un livello mai raggiunto prima, esaltando l’aspetto emozionale, convincendo gli organizzatori dell’evidente efficacia. 
Il ruolo della tecnologia, in questo caso la videoproiezione, è centrale, determinato da uno sviluppo tecnologico capace di creare nuovi correnti di pensiero, che innalzano il livello di creatività, appassionando architetti e interior designer. La funzione della superficie di proiezione si allarga a quella di visualizzazione, per garantire una flessibilità necessaria a rappresentare ‘soltanto’ una videoproiezione immersiva piuttosto che un mix composto da videoproiezione immersiva e pannelli di comunicazione tradizionale. 
Questo trend determina nuove opportunità ma richiede maggior conoscenza critica sulla qualità dei prodotti, composti da elementi riutilizzabili.


BigFrame, trasformista


Un’esposizione realizzata con con BigFrame e Only White in versione schermo di proiezione e pannelli di comunicazione tradizionali.

Screenline, attenta all’evoluzione della videoproiezione intesa come strumento innovativo di comunicazione, ha sviluppato un nuovo schermo multi-funzione, che va oltre al concetto tradizionale di schermo di proiezione. 
Il nuovo BigFrame rappresenta il capostipite di una famiglia di strutture che muta le dimensioni e la configurazione per integrarsi in soluzioni d’arredo innovative: un atteggiamento tipico degli interior designer che sperimentano nuove idee architettoniche destinate a spazi multi-funzione evoluti. Il progetto Big Frame è stato sviluppato attorno a due elementi importanti: il bordo freccia e la possibilità di mantenere, oppure no, il bordo nero. 
Con questo prodotto è possibile avere una superficie larga fino a 10 metri, attraverso elementi che si agganciano fra loro, facilmente e rapidamente (bastano due persone per montarlo), un po’ come avviene con lo schermo 4-Rent. 
Sono disponibili diverse tele: Diamond per la proiezione frontale, anche con retro nero, Ambra per la retroproiezione e la nuova Dual face con i suoi 360° di visione fronte-retro caratterizzata anche dalla totale assenza di Hot Spot centrale con le lenti a corta focale. 
La cornice del nuovo BigFrame, oltre ad una tela di proiezione, può ‘reggere’ anche un pannello rigido che, a sua volta, diventa la superficie d’appoggio di un poster fotografico, un pannello decorativo, informativo o pubblicitario. È uno dei punti di forza di questo nuovo BigFrame: la possibilità di creare strutture di sostegno sia per una normale tela di proiezione oppure per altre superfici rigide alle quali si può incollare perfino lo schermo Screen App. Così si possono realizzare superfici multiproiezione di dimensioni a piacere, che possono comprendere anche altri strumenti di comunicazione. Infine, la superficie è riutilizzabile, ad esempio, per mutare nel tempo il percorso narrativo del contesto nel quale è stato installato.


Only White, complemento di arredo


Nuovi Big Frame e Only White: superfici flessibili per sale multisensoriali.

Quando il contesto è ricercato e sofisticato, anche lo schermo di proiezione deve essere in armonia. Il nuovo BigFrane, nella versione senza cornice, si trasforma in Only White, per soddisfare le esigenze di architetti e interior designer. La struttura portante è composta da un profilo di alluminio, di spessore adeguato a evitare qualsiasi deformazione. Un insieme di accorgimenti meccanico/estetici ne minimizzano l’invasività e ne esaltano le prestazioni: la tela viene ancorata nella parte posteriore della cornice con un sistema di bordo freccia in gomma, a garanzia di una tensione ottimale, evitando ondulazioni o pieghe. La struttura dello schermo è invisibile: così si ottiene on oggetto completamente bianco. OnlyWhite è disponibile in dimensioni e formati ‘su misura’, definiti in base alle esigenze progettuali del cliente.