Una coppia di extender HDMI che sfrutta il protocollo IP per distribuire su lunga distanza i segnali AVC. In un impianto di videosorveglianza le telecamere PTZ possono essere gestite via seriale.

Volume: SIAV_02_16 – Pagine: da 170 a 170

La distribuzione di un segnale HDMI sappiamo tutti che presenta un limite dovuto alla lunghezza della tratta. Più ci si avvicina a questo limite, che varia dai 10 ai 15 metri a seconda della qualità del cavo e maggiore è il rischio di rilevare malfunzionamenti. Per questo motivo il catalogo Loox di Novatec Europe offre una gamma di prodotti dedicati al collegamento HDMI via cavo Cat, su tratte lunghe fino ad oltre 100 metri. 
Questi extender, come si chiamano in gergo, appartengono a due configurazioni d’impianto ben distinte: punto-punto (utilizzano cavo Cat dedicato), e di tipo IP, che sfruttano una rete LAN esistente per distribuire anche i segnali HDMI AVC.


LO-HDP25, le caratteristiche

È composto da due elementi, trasmettitore e ricevitore. Il trasmettitore, oltre all’ingresso HDMI da inviare via cavo Cat al display, presenta anche un’uscita HDMI da collegare ad una sorgente locale. 
Questo extender si distingue per garantire una lunghezza della tratta di collegamento, via cavo Cat, fino a 120 metri. Oltre ai segnali HDMI, è in grado di gestire i segnali IR (per i telecomandi di sorgente e display) e RS-232, utile quando la configurazione dell’impianto integrato comprende processori AV e/o telecamere TVCC di tipo PTZ. 
Il vantaggio di poter sfruttare una rete LAN esistente, è importante però che sia stata installata a regola d’arte, riguarda anche ad una semplificazione della configurazione stessa, soprattutto quando prevede una sorgente e più punti di visualizzazione (come nell’esempio riportato dallo schema riportato in questa pagina) perché bisognerà preoccuparsi soltanto di collegare trasmettitore e ricevitore al punto LAN più vicino. 


Grazie al protocollo IP e all’utilizzo di una rete LAN è possibile distribuire a più display i segnali HDMI, IR e RS-232 provenienti da una sorgente e da un sistema di controllo integrato. L’esempio mostra una soluzione con camera motorizzata per TVCC, del tipo PTZ.