La centrale Headline Fracarro è composta da moduli DVB-T, DVB-S2 e ASI, tutti progettati per codificare i segnali in IP. Una configurazione d’impianto all’insegna dell’integrazione dei sistemi.

Volume: SITV_01_14 – Pagine: da 140 a 141

Nell’ambito della distribuzione dei segnali televisivi all’interno delle strutture hospitality, la scelta della tecnologia IP rappresenta una soluzione molto interessante, in grado di offrire molteplici vantaggi soprattutto in relazione all’ottimizzazione dell’impianto. 
La possibilità di far convergere in una moderna piattaforma digitale diverse tipologie di servizi, dalla distribuzione televisiva a quella radio, dalla PayTv a internet a larga banda, incluse le chiamate VoIP, a tutti i servizi di comunicazione personalizzata dell’hotel, consente infatti un’importante abbattimento dei costi legati alla semplificazione della struttura.


I vantaggi della distribuzione IP-TV


I moduli della serie Headline sono dotati di interfaccia CI, per distribuire contenuti di Pay-Tv.

Con i sistemi IP-TV non è necessario creare una rete separata, ma è possibile sfruttare lo stesso cablaggio strutturato per distribuire anche contenuti audio-video: in questo modo si riducono i tempi e i costi dell’intervento, semplificando le operazioni di installazione. 
Inoltre, la disponibilità di contenuti audio-video su rete Ethernet è maggiore rispetto a quella in cavo coassiale, con il vantaggio che la gestione dei programmi inviati in streaming è completamente flessibile, anche da remoto. 
Tutti i contenuti audio, video e navigazione internet sono comodamente fruibili in tutte le prese LAN con un unico terminale, sia esso un PC o un decoder IP-TV. 
Un altro importante vantaggio della distribuzione IP-TV riguarda la possibilità di gestire da remoto la centrale di testa, sia per la manutenzione ordinaria, ad esempio con la modifica della lista canali senza intervento sui terminali tv o tablet, sia per la gestione delle anomalie. 
Infine, grazie all’integrazione di software gestionali (middleware) sarà estremamente semplice controllare l’intera infrastruttura IP-TV da una singola postazione, ad esempio verificando l’accensione o lo spegnimento dei terminali TV, gestendo la messaggistica, creando liste di canali personalizzate, gestendo APP esterne etc.).


L’ampia gamma di encoders IP della serie Headline comprende moduli DVB-T (C.I.) IP, DVB-S2 (C.I.) IP e ASI IP.

L’impianto IP-TV


Moduli Headline IP: le caratteristiche.

Per realizzare un impianto televisivo su rete IP è necessario utilizzare convertitori streamer in grado di trasformare il segnale proveniente dalla parabola o dall’antenna terrestre in segnale IP. 
Tutti i dispositivi attivi che compongono la rete ethernet devono supportare e gestire correttamente il protocollo MULTICAST (IGMP leasing, IGMP pooling, etc). 
La rete ethernet, oltre che per il traffico IP normale (navigazione internet, scaricamento dati da server, Voip, posta elettronica, ecc.) dovrà essere dimensionata per supportare anche il bitrate massimo dei programmi che si sceglierà di distribuire. Nella progettazione di un impianto IP risulta quindi fondamentale collaborare con l’amministratore di rete, per verificare tutte le implicazioni.


Le soluzioni IP-TV Fracarro

Per la gestione dei segnali IP, Fracarro propone l’utilizzo della centrale di nuova generazione serie Headline, che si caratterizza per l’alto livello tecnologico e per l’estrema flessibilità. La centrale IP-TV tipica sarà composta da vari streamer dedicati alla conversione dei programmi televisivi o satellitari in IP, installati all’interno di un subrack predisposto per l’installazione su rack standard 19”. 
L’ampia gamma di encoders IP comprende moduli DVB-T (C.I.) IP, DVB-S2 (C.I.) IP e ASI IP utili per soddisfare qualsiasi esigenza impiantistica.