Quattro modelli portatili con luminosità da 500 a 1000 lumen e risoluzione da 720p a 1080p. Il Qumi Q6 è disponibile in sette colori diversi. Peso da 460 a 721 grammi. Colorimetria di qualità grazie alla tecnologia DLP con illuminazione a LED.


Volume: SIAV_01_18 – Pagine: da 154 a 155



La gamma di videoproiettori Qumi di Vivitek si distingue per tre principali aspetti: 
– l’illuminazione a LED RGB consolidata dalla tecnologia DLP 1-chip; 
– le minime dimensioni e il peso (il modello più ingombrante misura mm 190x114x43), tipici di un prodotto portatile ‘quasi’ tascabile;
– la luminosità, da 500 a 1.000 ANSI lumen. 
Una serie di proiettori, pensati per un utilizzo alternativo, comunque efficace in contesti ‘facili’, con player integrato per riprodurre video, foto, audio e file più diffusi.Le risoluzioni disponibili sono tre: 720p, WXGA e 1080p.


Q3 Plus, entry level di gamma: risoluzione 720p, luminosità 500 Ansi lumen


È il modello più piccolo e leggero (460 g), sta in una borsa di lavoro (anche piccola) e può proiettare immagini fino a 80/100 pollici in ambienti oscurati. 
La batteria integrata gli consente di funzionare fino a 2 ore. Come tutta la gamma Qumi, anche in questo modello è integrato un player e può collegarsi a dispositivi iOS o Android in modalità duplicazione dello schermo. 
La sezione audio è integrata (ingresso Audio IN con spinotto da 3,5 mm); in alternativa si può utilizzare il Bluetooth. Il processore integrato è un quad-core da 1,5 GHz con sistema operativo Android 4.42 e 8GB di memoria integrata. Inoltre, utilizzando lo slot microSD o una chiavetta USB, si possono avere a disposizione fino a 64GB di contenuti aggiuntivi. La correzione trapezoidale verticale è automatica. 
Sono disponibili due ingressi video: HDMI 1.4b e Video Composito (condiviso con l’uscita audio, sullo spinotto da 3,5 mm). La manutenzione è assente per la mancanza di una lampada e del filtro. La vita operativa del gruppo LED si estende fino a 30mila ore.


Q6: risoluzione WXGA, luminosità 800 Ansi lumen


Qumi Q6. Gli ingressi HDMI sono due, uno dei quali compatibile MHL, uscita audio con spinotto da 3,5 mm e USB tipo A

Con il Q6 la risoluzione del Qumi sale 1280×800 pixel (WXGA) e la luminosità a 800 Ansi lumen. 
Si può collegare a diversi dispositivi portatili, dalle fotocamere a computer portatili, dagli smartphone ai tablet, oltre ad avere una memoria interna da 2 GB per ospitare qualunque tipo di contenuto, dalle foto ai brani audio, dai video ai file Microsoft Office e PDF. 
Il Qumi Q6 è compatibile MHL e integra Wi-Fi, oltre a poter condividere con i dispositivi smart iOS e Android la visualizzazione dei contenuti. 
Fra gli accessori forniti nella confezione abbiamo: cavo HDMI-MHL, telecomando IR, USB (tipo A).


Q38 e Q8: risoluzione Full HD, luminosità di 600 e 1.000 Ansi lumen

Sono i modelli a risoluzione 1920×1080 pixel. Il Q38 è la versione Full HD del Q3 Plus (con 100 lumen in più di luminosità); integra una batteria da 12 Ah per un’autonomia di funzionamento fino a due ore e connettività WiFi . Un solo ingresso HDMI 1.4b, due USB tipo A e lo slot microUSB. 
Il Q8, invece, è il modello di punta della gamma Qumi, primo proiettore Full HD disponibile sul mercato. Alla risoluzione Full HD somma una luminosità di 1000 lumen, abbastanza per una dimensione di schermo fino a 120 pollici. 
Una soluzione utile in diversi contesti, anche quello domestico nel caso venga preferita una soluzione ‘flessibile e removibile’. 
Sono presenti tutti gli strumenti già visti anche nei modelli minori, come la connettività Wi-Fi e il player interno per visualizzare contenuti AV, Microsoft Office e PDF.


Tecnologia LED RGB, colori saturi, qualità cromatica

La tecnologia DLP single chip unita al corpo illuminante a Led sono una garanzia di qualità nella proiezione di immagini. La palette dei colori è particolarmente estesa e satura. 
L’architettura TRP proprietaria di TI e la suite di algoritmi Adaptive DLP IntelliBright, integrata nella tecnologia di Texas Instruments, consentono agli sviluppatori di aumentare la luminosità o consumare meno energia. 
I chipset TI che incorporano l’architettura TRP possono contenere un numero di pixel pari al doppio, offrono un’efficienza ottica maggiore del 30% e risparmi energetici fino al 50% su base frame-by-frame rispetto alle precedenti architetture TI con risoluzione comparabile. 
Ricordiamo che il 90% circa delle sale cinema commerciali al mondo utilizzano proiettori a tecnologia DLP.