Soluzione digital signage per fiere, congressi, alberghi, ristoranti, studi professionisti, negozi, ecc. La società Kunstdünger scegli gli OPS Monitor di Vestel da 40” e 50” per progettare un espositore da pavimento e da muro.

Illustrare un caso di successo è un modo per dare voce ai prodotti in maniera diversa, ascoltando tra l’altro il parere di chi ha deciso di fruirne appieno delle peculiarità. Un po’ come veder all’opera un dispositivo, contestualizzato nel proprio ambiente operativo, il che ne esprime ancora meglio le proprie potenzialità. È quanto abbiamo deciso di fare con un modello dei monitor Vestel, l’OPS Monitor, facendo un salto in Trentino Alto Adige, e più precisamente a Bolzano. In questo caso, abbiamo varcato le soglie di Kunstdünger, meglio conosciuta come KD, un’azienda di respiro internazionale che si occupa di prodotti di qualità tridimensionali per la comunicazione visiva. KD, in combinazione con lo sviluppo di una propria gamma di prodotti per il Digital Signage, ha deciso di affidarsi agli OPS Monitor di Vestel per la parte relativa allo schermo. A guidarci in questo percorso illustrativo, Clizia Savoia e Georg Schwienbacher, rispettivamente Responsabile del Marketing Operativo e Process Optimisation di KD.




Comunicare in modo interattivo

«Siamo un’azienda che si occupa soprattutto di comunicazione visiva – ci dice subito Clizia Savoia – e da sempre creiamo soluzioni standard e personalizzate per negozi, showroom e uffici. Da qualche anno, si sa, la comunicazione passa soprattutto attraverso i display e, dopo aver studiato per anni delle soluzioni video sempre più innovative, abbiamo progettato dei dispositivi, non più da utilizzare solo come supporto di materiale cartaceo. Oggi, infatti, comunicare attraverso uno schermo significa creare interazione, movimento, dare vita ad un gioco di colori e di suoni, alzare il livello di attenzione di un visitatore o di un passante. La scelta dei monitor dunque risulta fondamentale, pertanto abbiamo deciso di puntare su prodotti di qualità per ideare al meglio le nostre soluzioni». Nel caso specifico, è stato progettato un espositore, dal nome Mediasign, che ruota tutto intorno ad un OPS Monitor di Vestel. Una soluzione touchscreen da utilizzare in diversi contesti operativi, ideale per fiere, congressi, alberghi, ristoranti, studi professionisti, negozi, ecc. Una volta esposto, questo prodotto è semplice da usare e offre la possibilità di caricare la propria presentazione o agire da remoto grazie al collegamento wlan in dotazione al monitor Vestel. Pertanto è utilizzabile da tutti, anche dai meno esperti.


Comunicare in modo interattivo


Il monitor Vestel è predisposto della modalità touchscreen e di collegamento Wi-Fi.

«Siamo un’azienda che si occupa soprattutto di comunicazione visiva – ci dice subito Clizia Savoia – Nel caso specifico, è stato progettato un espositore, dal nome Mediasign, che ruota tutto intorno ad un OPS Monitor di Vestel. Una soluzione touchscreen da utilizzare in diversi contesti operativi, ideale per fiere, congressi, alberghi, ristoranti, studi professionisti, negozi, ecc. Una volta esposto, questo prodotto è semplice da usare e offre la possibilità di caricare la propria presentazione o agire da remoto grazie al collegamento wlan in dotazione al monitor Vestel. Pertanto è utilizzabile da tutti, anche dai meno esperti.


La scelta degli OPS Monitor

Sin dall’inizio di questa nuova progettazione, l’intento degli ingegneri di KD era quella di creare una soluzione adatta a tutti, soprattutto a persone non avvezze all’uso della tecnologia, quindi ideata non solo per i più esperti. Clizia Savoia ci spiega al meglio le motivazioni che hanno portato alla scelta degli OPS Monitor di Vestel: «Oltre alla qualità dei prodotti, uno dei punti cruciali sui quali si è soffermata la nostra attenzione è stato quello di realizzare una soluzione soprattutto semplice e intuitiva da utilizzare. E Vestel ha saputo racchiudere in un solo dispositivo tutte queste caratteristiche. In prima battuta, OPS Monitor presenta i livelli di luminosità e di contrasto molto alti, caratteristiche importanti per uno schermo digital signage, soprattutto se installato in condizioni di luce ambientale elevata. Ha dalla sua il computer incorporato, il che elimina l’incombenza di dover usare dei dispositivi aggiuntivi per completare la nostra soluzione; in più, presenta una facilità d’utilizzo unica. Pertanto, ci siamo ritrovai di fronte ad un prodotto che se da una parte può essere utilizzato come semplice monitor, dall’altra risponde ad un dispositivo All in One, che racchiude in un’unica soluzione tanta più tecnologia quanta ne fosse necessaria per le nostre esigenze».


Controllo da remoto e utilizzo 16/7


Tabella che illustra le caratteristiche del mediasign.

Dal canto suo, Georg Schwienbacher ci descrive alcune delle caratteristiche tecniche: «Sono diverse le peculiarità garantite da OPS Monitor che hanno favorito la progettazione del nostro Mediasign, a partire dal suo posizionamento, a scelta tra l’orientamento orizzontale o verticale. Grazie a questa caratteristiche, infatti, abbiamo potuto sviluppare il nostro espositore in doppia versione: da pavimento e da muro. Le due porte USB presenti sul retro consentono di utilizzare questo prodotto al pari di un pc, con la possibilità di collegare mouse e tastiera; così come la porta ethernet, collocata in basso vicino alla base per rendere poco visibile il cavo di collegamento, che consente di agire sul dispositivo da remoto, inviare le presentazioni, salvare le informazioni su cloud, ecc. In più, il monitor ci garantisce massima efficienza e garanzia, perché lo schermo progettato da Vestel può rimanere in servizio 16/7»