Dal numero di funzioni disponibili sembra un decoder multimediale; viene prodotto dalla tedesca Edision, conosciuta sul mercato per la produzione di ricevitori digitali.
Il costo è molto economico: meno di 500 Euro.

Volume: SITV_03_13 – Pagine: da 124 a 125

L’Edision X-Finder è caratterizzato da un display da 7 pollici e da menu di navigazione che ricordano quelli dei sofisticati decoder multimediali. È in grado di effettuare le misure dei principali parametri dei segnali digitali DVB-T/T2, DVB-S/S2 e DVB-C, sia a definizione standard che HD, come C/N, Mer, Ber, intensità e qualità del segnale oltre a visualizzare le relative immagini immagini e altri contenuti video, provenienti da memorie di massa interne allo strumento o collelgate via USB. È in grado di gestire gli impianti a multiswitch grazie al supporto del protocollo DiSEqC, e gli impianti a tecnologia SCR. Stesso discorso per il comando dei motori delle parabole in versione DiSEqC 1.2/USALS. Sono presenti in loop through sia le boccole a connettore F per i segnali satellitari che quelle IEC, dedicati ai segnali DTT. Gli ingressi/uscite sat forniscono anche un’alimentazione con corrente massima di 300 mA. Lo slot Common Interface consente di poter visualizzare le immagini dei programmi criptati, quando le CAM sono disponibili, e integra il Conax CAS7 con lettore di smart card. È presente l’interfaccia LAN con il tradizionale plug RJ45, una memoria Flash da 2 GB accessibile tramite una porta mini-USB (U-Disk), una porta USB compatibile con dongle Wi-Fi, una porta seriale RS-232, l’ingresso/uscita AV Composito e la presa HDMI 1.3.
La connettività di rete e la USB offrono l’accesso ad alcuni servizi web come meteo, Google Maps, RSS, YouTube, la riproduzione di video DivX, Xvid, MKV, WMV e AVI mentre il firmware è aggiornabile via HTTP, FTP e USB. L’alimentazione è fornita da una batteria al litio da 5500 mA che assicura un’autonomia di circa 6-7 ore, con tempi di ricarica ridotti. L’Edision X-Finder viene dotato di una custodia in nylon e venduto in una robusta valigia che protegge lo strumento e contiene tutti gli accessori in dotazione. Il video di presentazione dell’X-Finder è visibile su www.youtube.com/watch?v=vYfBX81x4gw.


Il software di sistema

L’X-Finder viene fornito in una robusta valigetta contenente: la borsa che protegge lo strumento da un uso quotidiano, il telecomando, il cavo accendisigari e l’alimentatore di rete, il cavo AV e l’adattatore RS 232.
Il telecomando in dotazione a X-Finder.

Il menu principale presenta un’impostazione tipica dei decoder digitali multimediali. È composto da 7 icone dedicate alle sezioni principali sezioni dello strumento: Finder, Angle, Spectrum, Canale, Media, Sistema e Internet.
Finder rappresenta il menu maggiormente utilizzato dall’installatore. Viene utilizzato per configurare i parametri dei tuner DVB-S/S2 o DVB-T/T2/C, la scelta satelliti, il tipo LNB, le frequenze UniCable/SCR, switch DiSEqC, ecc. e visualizza le barre di livello e qualità segnale per un transponder/canale VHF/UHF insieme ad altri parametri principali. Inoltre, con questo menu si possono editare i vari transponder, sintonizza i canali e attivare il beep per il puntamento dell’antenna.
Angle, dopo aver inserito il satellite e la sua posizione calcola i valori di orientamento della parabola come azimut, elevazione e skew, la latitudine e la longitudine locale. Questi dati si possono memorizzare in un database per essere utilizzati all’occorrenza.
Spectrum visualizza lo spettro della banda Sat.
Canale contiene di editare i canali memorizzati, da organizzare in gruppi ordinati ad hoc. Inoltre, la funzione di ricerca per parola chiave permette di accedere alla guida EPG per consultare i moduli CAM/CAS e le smart card.
Media mostra i dati tecnici e il contenuto del dispositivo di memoria USB (chiavetta o hard disk) per la riproduzione dei file multimediali, imposta le opzioni PVR, esegue il test di velocità del dispositivo USB per verificare la sua idoneità a seconda della funzione utilizzata.
Sistema visualizza numerose informazioni. Ad esempio: le versioni software, hardware e loader, la data dell’aggiornamento, lo status della batteria. Inoltre, consente il reset dello strumento ai dati di fabbrica, cancella tutti i canali, salva i parametri di default, aggiorna il firmware via RS-232/USB ed effettua il backup dei dati via USB. Questa sezione configura anche le uscite audio/video, visualizza la costellazione di una frequenza satellitare e di alcuni parametri tecnici.
Infine, Internet che ospita le funzionalità di rete: FTP, previsioni meteo, RSS Reader, YouTube, Google Maps, ecc., le impostazioni Ethernet e Wi-Fi (opzionale su chiavetta USB) e aggiorna il firmware via HTTP o FTP.


I menù dell’X-Finder, per le numerose funzioni presenti, ricordano quelli dei decoder più sofisticati.
Edision X-Finder: le caratteristiche