PRODOTTI

    RP 913B: cavo coassiale per segnali UltraHD-4K, LTE Protection

    L’RP913B soddisfa la classe A++ con valori di schermatura maggiori di 105 dB. Prestazioni che consentono di veicolare anche i segnali di ultima generazione, UltraHD-4K, dove la perdita di qualità diventa inaccettabile.


    Volume: SITV_03_16 - Pagine: da 81 a 81

    La tecnologia diventa sempre più performante, la qualità delle immagini sarà considerevolmente più elevata grazie all’avvento dell’UltraHD-4K, dell’HDR (High Dynamic Range) e dell’HFR (High Frame Rate) ma la banda terreste, riducendosi, obbligherà i broadcaster ad adottare nuovi standard (DVB-T2), con parametri di trasmissione (modulazione, FEC, ecc.) che potrebbero mettere a dura prova la qualità degli impianti di ricezione TV.
    Per questi e altri motivi, ad esempio la moltiplicazione dei segnali a radiofrequenza dedicati ai più svariati servizi, la richiesta di cavi con valori di schermatura sempre più elevati è in crescita. L’obiettivo è dotare l’Infrastruttura fisica Multiservizio passiva di un cablaggio all’altezza del compito, ‘adeguato nel tempo’.



    Schermatura in classe A++

    Italiana Conduttori ha sviluppato il cavo RP 913B: grazie all’impiego di uno speciale nastro garantisce elevati livelli di schermatura come quelli richiesti dalla Norma EN50117, per la classe A++.
    L’RP 913B, a differenza di un cavo a triplo schermo, consente di utilizzare gli stessi accessori e connettori della serie DG, con conseguente vantaggio d’uso per l’installatore. Un’altra caratteristica originale riguarda l’isolamento del dielettrico realizzato con un sottile strato di poliisobutilene (PIB). Un’avanzata tecnologia necessaria per ottenere notevoli vantaggi nella durata delle prestazioni elettriche e meccaniche del prodotto. Il cavo risulta più maneggevole e, soprattutto, lo strato di PIB lo rende resistente all’umidità. Ciò è confermato dalle severe prove di invecchiamento eseguite nel laboratorio della Italiana Conduttori, i cui risultati permettono di garantire questo prodotto, come tutti quelli a catalogo Cavel, per 15 anni, a prova di futuro.



    UltraHD-4K anche con DG 113/DG 80

    Cavel, con la dicitura UltraHD-4K, contraddistingue i modelli testati per il nuovo profilo di risoluzione video: cavi con attenuazione di schermatura di classe A+ e A++. Per la scelta del cavo, l’installatore può agire secondo due correnti di pensiero: utilizzare per tutte le tratte lo stesso modello (il più performante è proprio l’RP 913B), oppure suddividere l’impianto di ricezione in più tratte, a ciascuna delle quali si assegna un rischio attenuazione/interferenze diverso e il corrispondente modello di cavo coassiale.



    Correlati


    Prodotti

    Examiner: flessibile, compatto e multiuso

    ROVER LABORATORIES

    Examiner: flessibile, compatto e multiuso

    Un analizzatore di segnali RF con interfaccia ASI, SDI e Video da impiegare in una variegata possibilità di combinazioni...


    FXXLTE e FPSLTE: taglio ai canali 59 o 60 FNCCLTE: a norma CEI 100-7

    LAEM Elettronica

    FXXLTE e FPSLTE: taglio ai canali 59 o 60 FNCCLTE: a norma CEI 100-7

    I nuovi filtri LTE da palo e da innesto di Laem Elettronica sono disponibili con taglio a 790 MHz...


    Stoa: per cavo a 4 fibre, con bussole dotate di shutter

    TCK-LAN

    Stoa: per cavo a 4 fibre, con bussole dotate di shutter

    La STOA di TCK-LAN è predisposta per il montaggio di 4 bussole SC/APC Simplex...


    TK-180M: giuntatrice a fusione allineamento sul core

    TCK-LAN

    TK-180M: giuntatrice a fusione allineamento sul core

    La giuntatrice a fusione sta diventando uno strumento sempre più necessario per la professione dell’installatore, sia per...



    APPROFONDIRE

    Il giusto posizionamento: a metà tra fisica e design

    Il giusto posizionamento: a metà tra fisica e design

    Il posizionamento corretto dei diffusori in un ambiente è uno tra gli aspetti principali di un sistema audio per ottenere una buona resa acustica. Oggigiorno, chi progetta un impianto Home Cinema deve lavorare in simbiosi con due differenti culture, quella creativa tipica dell’artista come lo sono gli architetti d’interni e la seconda propria
    di una mentalità che caratterizza gli ingegneri. Per posizionare i diffusori che compongono un sistema audio home cinema oltre a soddisfare il gusto estetico, bisogna anche prestare attenzione semplici regole per far sì che il funzionamento dell’impianto dia il risultato sperato. Pertanto, per una buona resa è necessario trovare
    un equilibrio tra design e miglior posizionamento. Per ricreare una
    qualità sonora tipica delle sale cinema, che a loro devono riprodurre
    i suoni dell’ambiente nel quale è stato girato il film o eseguito un
    concerto, si fa riferimento alla norma ITU-R BS-775-2 (Multichannel
    stereophonic sound system with and without accompanying picture)
    che descrive come riprodurre i suoni all’interno di un teatro o una
    sala cinema domestica contenuti in una colonna sonora ottenuta
    mixando le tracce registrate durante la produzione....


    L’efficienza luminosa nei sistemi 3D

    Il metodo più utilizzato nei sistemi video e nei display, in grado di offrire una visione tridimensionale della realtà riprodotta, è la stereoscopia. Ciò avviene attraverso la migliore percezione della profondità indotta dalla visione binoculare. Per realizzare questa sensazione, gli occhi devono essere raggiunti da due immagini diverse che rispecchino il diverso angolo di visione dell’oggetto inquadrato.
    L’avvento dei sistemi di proiezione stereoscopica sul mercato Home Theater ha determinato grande interesse per la possibilità, finalmente concreta, di rivivere in ambito domestico l’esperienza entusiasmante, determinata dalla rivoluzione del cinema 3D.
    Una svolta epocale vera e propria, della quale hanno finalmente beneficiato le sale cinematografiche, resa possibile sia dal notevole sviluppo delle tecniche di ripresa stereoscopiche che dall’avvento dei sistemi di proiezione digitale e delle tecniche di visualizzazione stereoscopica connesse. Tale sviluppo, possiamo dirlo, è finalmente giunto a maturazione e il risultato oggi è pienamente godibile, almeno in sala cinematografica. Non si può ancora affermare la stessa cosa per l’ambito domestico dove, nonostante i grandi progressi tecnologici, sia in ambito distributivo del segnale stereoscopico che in ambito degli schermi piatti, la resa finale e il coinvolgimento spaziale dello spettatore sono affetti da alcune problematiche, prima fra tutte le ridotte dimensioni dello schermo.
    In quest’ambito la proiezione continua a godere di un vantaggio e di un appeal non trascurabile, specialmente per chi vuole fare della visione di film e video un esperienza coinvolgente e pretenda una riproduzione fedele dei contenuti.
    ...


    BENESSERE & SALUTE