APPROFONDIRE

Meeting Project sceglie Panasonic per il Teatro alla Scala di Milano

Il proiettore Panasonic PT-DZ21K è stato utilizzato per la Grand-Opéra in cinque atti Les Troyens.


Per l’allestimento de Les Troyens presso la Royal Opera House di Londra la produzione locale optò per due videoproiettori Panasonic da 10.000 ANSI lumen modello PT-DZ10 DLP. La coesistenza di due macchine aveva generato un notevole innalzamento del livello del nero e questo particolare dettaglio ha portato Meeting Project a valutare, nel momento in cui è stata incaricata della fornitura audio video per Les Troyens dal Teatro alla Scala, la scelta di integrare un unico modello da 20.000 ANSI lumen, il PT-DZ21K appunto.



Elevate performance di luminosità e silenziosità

“Il proiettore si trovava già fisicamente presso il teatro perché era già stato utilizzato per ‘La Sposa dello Zar’ e aveva dato ottimi risultati a livello scenico, soprattutto in termini di luminosità e di silenziosità – fondamentale in tale contesto teatrale. In passato ci è capitato di dover sostituire per un altro allestimento, per richiesta specifica del regista, macchine di altri brand con il PT-DZ21K di Panasonic per risolvere problemi di rumorosità, di assoluta rilevanza” spiega Fabio Fraomene, Multimedia and Video Specialist di Meeting Project. La macchina è stata posizionata sopra il tetto del palco reale collegato in fibra ottica. Sulla fibra viaggiava il segnale video DVI e la rete per poterlo remotare.
Al proiettore è stato collegato un Media Server Hippotizer con software integrato per l’elaborazione dei contributi – immagini – provenienti dalla macchina.
“Avendo inserito i comandi nella consolle luci situata nella cabina di regia, è stato inoltre possibile remotare via ethernet il proiettore, per realizzare shutter aperti e chiusi” continua Fraomene.



Lo shutter temporizzato

Feature importante del proiettore, infatti, rivelatasi fondamentale a detta della produzione, lo ‘shutter temporizzato’ ossia la possibilità di temporizzare apertura e chiusura dell’obiettivo. “Questa temporizzazione è importantissima quando si ha a che fare – come di norma in teatro – con bui veri e totali, ossia momenti dove si spengono completamente le luci della scenografia e accade che, quindi, si incorra nel rischio che il nero del proiettore si veda. La possibilità di chiudere completamente lo shutter non di colpo ma impostando un tempo di chiusura da zero a dieci secondi si è confermata provvidenziale anche per Le Troyens. Lo stesso vale per lo shutter temporizzato in apertura, utile per evitare la “botta di luce” al riaccendersi dell’illuminazione”.

Questo è ciò che ha dichiarato Meeting Project, confermando di essere molto soddisfatta del risultato ottenuto con il PT-DZ21K di Panasonic per diversi motivi, principalmente per silenziosità, leggerezza, compattezza del design e facilità d’utilizzo, ma anche per l’aver avuto a disposizione – rispetto a proiettori della stessa categoria di marchio concorrente – la sicurezza di ben 4 lampade funzionanti contemporaneamente e la garanzia quindi di continuità e fluidità di proiezione.
Da non sottovalutare, infine, il vantaggio del Warping interno alla macchina che ha consentito di adattare la proiezione su una superficie irregolare (nel caso del Teatro alla Scala di Milano un muro storto con presenza di rientranze) grazie ad una semplice mappatura della geometria, effettuata dalla macchina stessa.

“Nel mese di aprile di quest’anno, abbiamo partecipato alla realizzazione di Quartett, una produzione del Teatro alla Scala, messa in scena alla Fundação Calouste Gulbenkian di Lisbona per la regia de La Fura dels Baus, e abbiamo utilizzato tre proiettori di Panasonic dello stesso modello per creare un unico schermo utilizzando l’Edge Blending della macchina, che si è rivelata appunto estremamente versatile e ambientabile a moltissimi contesti complessi” conclude Meeting Project.



Resa scenografica di alto livello

Dal punto di vista dell’Ente la scelta ricaduta sul proiettore Panasonic si è rivelata positiva e in grado di raggiungere l’obiettivo finale.
“Ciò che a noi spetta valutare come Teatro alla Scala è la resa scenografica della macchina e possiamo dire senza dubbio che la scelta tecnica fatta dal nostro sponsor Meeting Project di prediligere il proiettore PT-DZ21 di Panasonic è stata di vero successo. Quando regista e scenografo mi chiedono di realizzare situazioni particolari e lo stesso operatore non trova alcuna difficoltà a renderle in brevissimo tempo, significa che la macchina è, a dir poco, fenomenale!”ha spiegato Elio Brescia, Assistente Direttore Allestimento Scenico Teatro alla Scala.

“PT-DZ21K è il proiettore che ha ‘illuminato’ le cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi Olimpici di Londra 2012, prodotto rivoluzionario per il mercato dello staging e degli eventi. Prima della sua introduzione sul mercato non era possibile ottenere una luminosità di 20.000 ANSI lumen con una macchina così compatta e leggera e siamo lieti che anche una location di eccellenza, quale appunto il Teatro alla Scala di Milano, attraverso il partner Meeting Project, abbia scelto di dotarsi della nostra tecnologia per un’opera così importante” ha commentato Daniela Karakaci, Visual System Solutions BU, Panasonic PSCEU.



Correlati


Prodotti

Di ogni forma e potenza

MARI srl

Di ogni forma e potenza

Una gamma completa, composta da centinaia di modelli, comprese le nuove lampadine con vetro color ambra, per lampade...


Di ogni Classe, nel rispetto della CEI 100-7

MICRO TEK

Di ogni Classe, nel rispetto della CEI 100-7

La gamma F.M.C. propone cavi coassiali con tutte le Classi di Schermatura, dalla A++ fino alla C. ...


TK-180M: giuntatrice a fusione allineamento sul core

TCK-LAN

TK-180M: giuntatrice a fusione allineamento sul core

La giuntatrice a fusione sta diventando uno strumento sempre più necessario per la professione dell’installatore, sia per...


IPC-9800ADHS: il tester per la videosorveglianza

MARI srl

IPC-9800ADHS: il tester per la videosorveglianza

È stato pensato per la manutenzione e l’installazione di telecamere, IP...



APPROFONDIRE

Leggi & Decreti: l’abrogazione del DM 314-92

Leggi & Decreti: l’abrogazione del DM 314-92

Gli installatori in possesso dei requisiti di cui alla lettera b), comma 2, articolo 1 del DM 37/08, potranno realizzare impianti di cablaggio...


La Sicurezza delle reti

La Sicurezza delle reti

La convergenza
è un argomento ormai
consolidato: non fa più
notizia nel nostro mercato. È già
accaduto. Ormai gli impianti custom
sono composti da un buon 50% di dispositivi
che dialogano con la rete. E’ quindi diventato
fondamentale assicurare un livello adeguato
di prestazioni anche in termini di sicurezza per
assicurare l’integrità dei vostri dati e di quelli dei
clienti.
Impedire accessi non autorizzati è un’azione
indispensabile e vitale per evitare di mettere in
condizione persone o strumenti di effettuare
operazioni in grado di nuocere ad un sistema.
Nessun utente dovrebbe poter accedere o
dedurre da un sistema informazioni che non
è autorizzato a conoscere. E si sa, una rete
offre diverse vulnerabilità sfruttabili da terzi
per intromettersi nel sistema ed intercettarne
i dati. La sicurezza di una rete deve essere una
garanzia, deve assicurare che la totalità dei
terminali funzioni in modo ottimale e venga
utilizzata solo da chi è autorizzato ad accedervi.
Per la custom installation AV domestica e
residenziale, sempre più votata all’utilizzo
dell’infrastruttura della rete LAN piuttosto che
alla connessione internet questo argomento
è quanto mai fondamentale per mantenere
credibilità, qualità del servizio e affidabilità
dell’intero sistema....


BENESSERE & SALUTE