PRODOTTI

    DaisyNET: distribuzione dei segnali AV standard HDBaseT, fino a 4K

    Un sistema formato dalla coppia 7090DNTX/7090DNRX, progettato per la gestione dei segnali provenienti da più sorgenti, fino a 100 metri di distanza tramite cavo Cat 5e/6 (AWG 23). Le porte HDMI sono in versione 1.4.


    Volume: SIAV_02_13 - Pagine: da 142 a 143

    DaisyNET è un sistema progettato per la distribuzione via cavo di segnali AV ad alta risoluzione non compressi, in standard HDBaseT. È composto da due dispositivi, DaisyNET Transmitter 7090DNTX e DaisyNET Receiver 7090DNRX. Sono disponibili gli ingressi HDMI 1.4, DisplayPort e VGA, che vengono convertiti in Cat 5e/6 (AWG 23) e distribuiti su una lunghezza massima di 100 metri. Il modulo ricevitore riconverte i segnali in HDMI per realizzare il collegamento al display di destinazione; inoltre, attraverso lo stesso cavo Lan, il sistema è in grado di distribuire i dati Ethernet fino a 100 Mbps. Questo sistema funziona adottando la configurazione a stella, che gli consente di aggiungere quante più unità sono necessarie per raggiungere la ripartizione desiderata, con collegamenti effettuati tramite cavo Cat. Sono diverse le applicazioni di utilizzo del sistema DaisyNET, utile per la distribuzione di informazioni, piuttosto che per sistemi di conferenze, da installare presso le scuole oppure in ambienti aziendali destinati alla formazione piuttosto che alle sale riunione, ecc.



    Alta tecnologia semplice da usare

    L’installazione del sistema di distribuzione DaisyNET è semplice e intuitiva, occorrono poche mosse per decidere quale percorso far compiere al segnale e quante unità occorrono per poter portare a termine le operazioni di distribuzione. Una volta stabilita la fonte d’ingresso, infatti, il trasmettitore invierà il segnale al ricevitore DaisyNET 7090DNRX che a sue volta provvederà a distribuirlo al dispositivo terminale. Grazie al pulsante ‘ShowMe’, posto sul pannello posteriore del trasmettitore DaisyNET 7090DNTX, è possibile selezionare la porta d’ingresso per la ricezione e successiva trasmissione del segnale tramite cavo CAT-5E/6 (AWG 23). Ad ogni porta d’ingresso è affiancato un indicatore LED che consente di mostrare lo stato di alimentazione e, una volta acceso, indica la porta utilizzata al momento. Una volta giunto al ricevitore DaisyNET 7090DNRX, sarà possibile distribuire il segnale tramite cavo HDMI oppure HDBaseT. Attraverso questa coppia di dispositivi, dunque, è possibile progettare un ampio sistema di distribuzione del segnale AV, utilizzando tante più unità quanto più vasta è la necessità di distribuzione del segnale. In sostanza, dal momento in cui tutti gli apparati sono collegati e viene stabilito il percorso del segnale, dal dispositivo di ingresso a quello terminale, il sistema di distribuzione agisce come interruttore di rete.



    Controllo e aggiornamento del sistema

    I dispositivi DaisyNET, sia i trasmettitori che i ricevitori, sono dotati di porta RS232 appositamente inserita per un duplice scopo: da una parte consente il controllo da remoto; dall’altra, non meno importante, permette di effettuare l’aggiornamento del firmware. Naturalmente, mentre le operazioni di aggiornamento vengono eseguite per ogni singola unità, il controllo viene effettuato sulla prima unità che controlla tutte le altre, con la possibilità di gestire il sistema di distribuzione direttamente dal PC, tramite un’interfaccia semplice da utilizzare.



    I punti di forza

    – Distribuzione di segnali AV non compressi
    – Supporto al formato Ultra HD 4K
    – Compatibile con lo standard HDBaseT
    – Cablaggio esteso fino a 100 metri con cavo Cat 5e/6 (AWG23)
    – Numero illimitato di unità da utilizzare
    – Porta RS232 per il controllo e l’aggiornamento del firmware
    – Capacità di buffering e amplificazione
    – Daisy Chain IN e OUT
    – Collegamento in serie, configurazione daisy chain
    – Ingresso e Uscita HDMI versione 1.4
    – Ingressi DisplayPort e VGA
    – Protezione ESD
    – Supporto ai formati audio DTS-HD e Dolby trueHD
    – Plug & Play



    Correlati


    Prodotti

    IPC-9800ADHS: il tester per la videosorveglianza

    MARI srl

    IPC-9800ADHS: il tester per la videosorveglianza

    È stato pensato per la manutenzione e l’installazione di telecamere, IP...


    Nuova gamma “ABFA..L – ABFA/C..L”  tutti con filtro LTE a bordo

    LAEM Elettronica

    Nuova gamma “ABFA..L – ABFA/C..L” tutti con filtro LTE a bordo

    Gli amplificatori da interno autoalimentati vengono sostanzialmente impiegati come amplificatori di...


    La giunzione a caldo  a supporto dell’installatore

    MARI srl

    La giunzione a caldo a supporto dell’installatore

    Oltre alla vendita di materiale ottico per la realizzazione di reti TV e Lan, Mari offre anche...


    MHD-2000: modulatore Full HD, DVB-T

    MARI srl

    MHD-2000: modulatore Full HD, DVB-T

    I modulatori AV trasformano il segnale proveniente da una sorgente Audio/Video in un canale VHF o UHF....



    APPROFONDIRE

    L’efficienza luminosa nei sistemi 3D

    Il metodo più utilizzato nei sistemi video e nei display, in grado di offrire una visione tridimensionale della realtà riprodotta, è la stereoscopia. Ciò avviene attraverso la migliore percezione della profondità indotta dalla visione binoculare. Per realizzare questa sensazione, gli occhi devono essere raggiunti da due immagini diverse che rispecchino il diverso angolo di visione dell’oggetto inquadrato.
    L’avvento dei sistemi di proiezione stereoscopica sul mercato Home Theater ha determinato grande interesse per la possibilità, finalmente concreta, di rivivere in ambito domestico l’esperienza entusiasmante, determinata dalla rivoluzione del cinema 3D.
    Una svolta epocale vera e propria, della quale hanno finalmente beneficiato le sale cinematografiche, resa possibile sia dal notevole sviluppo delle tecniche di ripresa stereoscopiche che dall’avvento dei sistemi di proiezione digitale e delle tecniche di visualizzazione stereoscopica connesse. Tale sviluppo, possiamo dirlo, è finalmente giunto a maturazione e il risultato oggi è pienamente godibile, almeno in sala cinematografica. Non si può ancora affermare la stessa cosa per l’ambito domestico dove, nonostante i grandi progressi tecnologici, sia in ambito distributivo del segnale stereoscopico che in ambito degli schermi piatti, la resa finale e il coinvolgimento spaziale dello spettatore sono affetti da alcune problematiche, prima fra tutte le ridotte dimensioni dello schermo.
    In quest’ambito la proiezione continua a godere di un vantaggio e di un appeal non trascurabile, specialmente per chi vuole fare della visione di film e video un esperienza coinvolgente e pretenda una riproduzione fedele dei contenuti.
    ...


    Valore degli edifici e Dotazione tecnologica

    Valore degli edifici e Dotazione tecnologica

    Stiamo per entrare in una nuova èra, nella quale potrà sembrare insensato attribuire una qualità umana ad oggetti inanimati, eppure bisognerà farci l’abitudine. Dalle automobili (infomobility) ai pacchi postali (parcel tracking), dai documenti (document management) agli elettrodomestici (domotica), passando dai telefonini (smartphone), ai sistemi di sicurezza e ai nostri stili di vita, pochi microscopici accessori informatici installati su qualunque oggetto lo renderanno ‘intelligente’, in dialogo permanente con le nostre volontà. Anche gli edifici stanno per entrare in questa rivoluzione intelligente, paradossalmente grazie ad una colpa insita nella loro natura, che oggi la società non può più sopportare: l’inefficienza energetica....


    BENESSERE & SALUTE