PRODOTTI

    AD-16X: 16 sorgenti per 16 zone

    RTI propone una nuova Audio Matrix Switch in grado di gestire fino a 16 tracce stereo in altrettante zone, progettata per non fermarsi al suo compito “classico”, bensì perfettamente integrabile in sistemi più ampi e articolati.


    Volume: SIAV_03_17 - Pagine: da 118 a 119

    Ideale per installazioni audio a più zone, la matrice audio RTI AD16x fornisce il routing per 16 sorgenti audio in 16 zone. Questo dispositivo, si integra perfettamente nell’ecosistema RTI, offrendo intrattenimento personalizzato in ogni stanza.
    Come tante soluzioni a marchio RTI, la nuova AD-16X è stato concepito come un prodotto “collaborativo” e, oltre ad una notevole scalabilità, si propone come l’ingranaggio ideale di sistemi assai più complessi e strutturati. Presenta delle peculiarità che semplificano i processi installativi e le modalità di programmazione, mantenendo alta la qualità di qualsiasi traccia audio.



    Operatività multizona e ingressi remoti

    AD-16X è dunque una matrice ideale per le installazioni multizona. Oltre al suo apporto immediato caratterizzato dalla gestione di 16 sorgenti audio stereo per 16 zone, dispone di otto ingressi per sorgenti remote grazie ai quali, magari attraverso la piastra di controllo RTI RSP-1 opzionale, dei dispositivi situati in altri ambienti possono essere utilizzati come fonte globale. Non solo, come sottolineato, la nuova AD-16X può essere affiancata a diversi dispositivi della linea di soluzioni per la distribuzione audio come, in modo particolare, gli amplificatori Cool Power CP-450/CP-1650. Anche se la copertura di 16 zone non è affatto poca cosa, cosa succederebbe nel caso in cui il sistema dovesse ampliarsi? Affrontiamo la questione con un po’ di spirito. Si racconta che, interpellato da un giornalista sull’entità del debito pubblico americano, Ronald Reagan avesse risposto: “Beh, ormai è abbastanza grande da saper badare a sé stesso!”
    Ebbene, se vogliamo riprendere la celia reaganiana, e applicarla alla RTI AD-16X, possiamo dire che anche i sistemi di cui si prende cura la matrice possono crescere tranquillamente, senza pericolo di uscire dal controllo, sempre sorvegliati e in grado di badare a sé stessi: infatti, è possibile collegare a cascata fino a quattro unità AD-16X che, agendo assieme, arriverebbero a coprire un totale di ben 64 zone. E c’è di più: nel caso in cui si utilizzino i controlli IR, e non il driver AD16 di cui parleremo tra poco, le unità che si potrebbero collegare a cascata sarebbero addirittura otto, per un totale di 128 zone coperte.



    Al centro del sistema

    AD-16X gestisce tutti gli aspetti del segnale audio, compresi equalizzazione parametrica, raggruppamento di zone e balance control.
    I settaggi possono essere impostati via interfaccia web, mentre il driver bidirezionale AD16 offre agli integratori una interessante possibilità: nominare tutte le zone e le sorgenti senza la necessità di programmazione con numero ID.
    Il driver consente anche la gestione dinamica delle sorgenti audio, che traccia le fonti attive, in modo che l’utente possa determinare se una fonte è già in uso, evitando cambiamenti involontari di traccia. AD-16X si occupa dunque di commutazione e distribuzione dei segnali audio, mentre i processori centrali RTI e le interfacce utente gestiscono le singole sorgenti audio, l’input utente e lo status feedback. Per ogni zona sono disponibili informazioni come la sorgente selezionata, il livello del volume e le impostazioni di controllo del suono. Anzi, a seconda dell’apparecchiatura che funge da sorgente, potrebbero essere disponibili informazioni ancora più dettagliate, ad esempio le playlist, le copertine degli album e gli RDS (Radio Data System).



    Oltre la sfera del… suono!

    AD-16X può essere sia montato a rack (3U rack form) che utilizzato in versione free standing, e può essere controllato via IP, RS-232 o IR. Tra le altre caratteristiche, offre otto bande di equalizzazione audio parametrica in tutte le zone, un’interfaccia web incorporata, pensata per configurare e raggruppare le zone, in modo che più uscite possano essere controllate come un’unica zona, e la funzione “trim adjustment”, ovvero il controllo di volume in uscita, su ogni sorgente. Le uscite di preamplificazione richiedono amplificazioni esterne tramite amplificatori RTI o di terze parti.
    In un’ottica più ampia, l’audio è naturalmente solo un aspetto di un sistema complesso, che può comprendere anche video, illuminazione, controllo della temperatura e, insomma, molte importanti apparecchiature e svariati parametri che entrano in gioco quando si struttura un ambiente stratificato e multizona.
    In questo senso, il vero “habitat naturale” di AD-16X è proprio un sistema più vasto, che non si limita al solo, seppur importante, aspetto audio.



    Dieci punti di forza

    – Selezione di 16 sorgenti audio stereo in 16 zone.
    – Otto ingressi da fonte remota: consentono ai dispositivi situati in altre stanze di essere utilizzati come fonti globali (utilizzando l’accessorio RSP-1).
    – Fino a 4 unità AD-16x possono essere collegate alle 16 sorgenti, per un massimo di 64 zone di uscita.
    – Qualora venga utilizzato il controllo a infrarossi, fino a 8 unità AD-16x possono essere collegate alle 16 sorgenti per un totale di 128 zone.
    – L’etichettatura personalizzata consente agli integratori di indicare tutte le zone e le sorgenti per una programmazione più efficiente (tramite il driver AD64).
    – La gestione delle sorgenti audio dinamiche traccia le fonti attive, consentendo agli utenti di selezionare una altra sorgente evitando modifiche involontarie di musica ascoltata in altre zone (tramite il driver AD64).
    – Uscite preamplificate per amplificazione esterna tramite amplificatori audio RTI o di terze parti.
    – Equalizzazione audio parametrica a otto bande in tutte le zone.
    – L’interfaccia web incorporata consente di configurare e raggruppare le zone, consentendo la gestione di più uscite in una singola zona.
    – Regolazione del livello d’ingresso audio su ogni sorgente.



    Correlati


    Prodotti

    Strumentazione, domotica, videocitofonia

    MICRO TEK

    Strumentazione, domotica, videocitofonia

    Una gamma di cavi speciali per impianti industriali, commerciali e residenziali. Dalle reti Lonwork alla strumentazione e al controllo, da telefono...


    Quad 3DGFLEX EVO: da QPSK a COFDM, slot CI flex

    FRACARRO RADIOINDUSTRIE

    Quad 3DGFLEX EVO: da QPSK a COFDM, slot CI flex

    La famiglia 3DGFLEX Fracarro si arricchisce con una nuova generazione di moduli, capaci di...


    Nuova serie MBJ evo  con tecnologia A.B.L.A.

    FRACARRO RADIOINDUSTRIE

    Nuova serie MBJ evo con tecnologia A.B.L.A.

    Una gamma di undici modelli da 1 a 4 ingressi, anche con taratura speciale, su misura...


    Serie 5500: 25 modelli fino a 34 dB di guadagno

    ELINT IARE

    Serie 5500: 25 modelli fino a 34 dB di guadagno

    La gamma di amplificatori da palo prodotta da IARE consente all’installatore di far fronte a qualsiasi soluzione d’impianto....



    APPROFONDIRE

    Videoproiettori Laser: l’analisi commerciale

    Videoproiettori Laser: l’analisi commerciale

    Nel numero scorso abbiamo evidenziato i punti di forza della tecnologia laser. Completiamo ora il quadro affrontando gli aspetti commerciali specifici per il...


    L’efficienza luminosa nei sistemi 3D

    Il metodo più utilizzato nei sistemi video e nei display, in grado di offrire una visione tridimensionale della realtà riprodotta, è la stereoscopia. Ciò avviene attraverso la migliore percezione della profondità indotta dalla visione binoculare. Per realizzare questa sensazione, gli occhi devono essere raggiunti da due immagini diverse che rispecchino il diverso angolo di visione dell’oggetto inquadrato.
    L’avvento dei sistemi di proiezione stereoscopica sul mercato Home Theater ha determinato grande interesse per la possibilità, finalmente concreta, di rivivere in ambito domestico l’esperienza entusiasmante, determinata dalla rivoluzione del cinema 3D.
    Una svolta epocale vera e propria, della quale hanno finalmente beneficiato le sale cinematografiche, resa possibile sia dal notevole sviluppo delle tecniche di ripresa stereoscopiche che dall’avvento dei sistemi di proiezione digitale e delle tecniche di visualizzazione stereoscopica connesse. Tale sviluppo, possiamo dirlo, è finalmente giunto a maturazione e il risultato oggi è pienamente godibile, almeno in sala cinematografica. Non si può ancora affermare la stessa cosa per l’ambito domestico dove, nonostante i grandi progressi tecnologici, sia in ambito distributivo del segnale stereoscopico che in ambito degli schermi piatti, la resa finale e il coinvolgimento spaziale dello spettatore sono affetti da alcune problematiche, prima fra tutte le ridotte dimensioni dello schermo.
    In quest’ambito la proiezione continua a godere di un vantaggio e di un appeal non trascurabile, specialmente per chi vuole fare della visione di film e video un esperienza coinvolgente e pretenda una riproduzione fedele dei contenuti.
    ...


    BENESSERE & SALUTE